La Scuola



 
LA STORIA
 

LA NASCITA
Il Liceo Scientifico di Legnano trova i suoi natali negli ultimi mesi del 1942, nel bel mezzo della seconda guerra mondiale. Legnano conta 34000 abitanti e 356 studenti nelle scuole medie.
Sulla base di questi dati il potesta’ di Legnano si attivo’ per istituire a Legnano un Liceo Scientifico; e cosi’ il 23 gennaio 1943 indirizzo’ una richiesta ufficiale al Ministero dell’Educazione Nazionale per ottenere l’itituzione di un Regio Liceo Scientifico.
Il 7 maggio 1943 il Ministero autorizzo’ l’apertura in via provvisoria di una prima classe di Liceo presso il Regio Istituto Dell’Acqua. Le lezioni ebbero inizio il 10 maggio di quell’anno, con 9 alunni frequentanti. Ne era vicepreside Nicola Guarascio, vicepreside e preside incaricato dell’istituto Dell’Acqua.Nonostante i numerosi problemi dovuti alle circostanze storiche, le iscrizioni al liceo aumentavano di anno in anno: per l’anno scolastico 1943/44 erano gia’ 73, 153 per l’anno successivo e 185 per il 1946/47. Dal 1948 l’amministrazione comunale inizio’ ad adoperarsi per rendere autonomo il Liceo di Legnano che era un distaccamento del liceo milanese Vittorio Veneto. Solo nel settembre 1953 il Liceo di Legnano divenne autonomo, con il suo primo preside Arnaldo Povoli. Intanto il Liceo poteva contare su 180 alunni divisi in 5 sezioni, e si ingrandiva sempre di piu’, tanto che la necessita’ di una sede autonoma per il Liceo si faceva impellente.Fu cosi’ che nell’anno scolastico 1956/57 il Liceo si trasferi’ presso l’edificio dell’ingegnere Junker, che si trova all’angolo tra via Verri e via Bissolati, acquistato per il Liceo dal Comune di Legnano. Questa restera’ la sede del Liceo fino al 1970.Il Liceo di Legnano e’ ed e’ stato innanzitutto luogo di formazione delle giovani generazioni legnanesi. Mentre negli anni dell’immediato dopoguerra si enunciava il distacco dei giovani dalla vita sociale e politica del paese, dalla seconda meta’ degli anni ’50 si verifico’ un cambiamento di rotta.
Prova ne e’, nel Liceo di Legnano, la nascita del primo giornalino studentesco “Il Periscopio” nel 1957. “Il Periscopio” era, secondo le intenzioni espresse nel primo editoriale, uno strumento concepito per guardarsi in giro; vita nel Liceo, arte, letteratura, sport e cinema erano gli argomenti di questo foglio strumento di dialogo anche con le istituzioni interne del Liceo. Seguirono “Il Nuovo Periscopio – mensile di attualita’ e problemi legnanesi” (1960), il piu’ pungente “L’egregio” (1963), “Il Cappio” (1964-1966).
Negli anni ’60 gli studenti aumentarono dai 211 dell’anno scolastico 1959/1960 ai 725 del 1969/1970.DAGLI ANNI SETTANTA AD OGGINel luglio 1960 si istitui’ una sezione di Ginnasio – Liceo Classico con 45 studenti divisi in due sezioni.
Questa forma di convivenza sperimentale, si e’ protratta fino ad oggi riunendo e sommando le storie dei due istituti.L’aumento continuo degli studenti riproponeva il problema della sede: unica soluzione, questa volta definitiva, era la costruzione di un nuovo edificio da destinare al Liceo. Dopo lunghe trattative, durate anni, il Liceo pote’ finalmente trasferirsi nella nuova sede di via Gorizia all’inizio dell’anno scolastico 1970/71.La vita politica del paese si rispecchia, per tutti gli anni sessanta e settanta, nella vita del Liceo. Nel 1966 una forte discussione animo’ gli studenti del Liceo sulla possibilita’ di istituire l’Associazione degli Studenti del Liceo di Legnano (ASLL).
Negli anni 1971/72 la discussione si sposto’ su gruppi di studio scolastici, sull’utilizzo delle strutture scolastiche durante le ore pomeridiane e sulla partecipazione degli alunni alle riunioni dei docenti. Il 23 febbraio 1975 si tennero le prime elezioni studentesche per i rappresentanti degli studenti nel consiglio d’istituto e nei consigli di classe.Intanto gli studenti continuavano ad aumentare fino ai 1103 dell’anno scolastico 1989/1990 e questo ripropose nuovamente il problema della sede, nel 1988 furono ultimati i lavori del nuovo corpo dell’edificio di via Gorizia, che risolse definitivamente il problema degli spazi.
Negli stessi anni furono terminati i laboratori di chimica e biologia, fisica, linguistico, informatico, la gipsoteca e la biblioteca.Del 1991 e’ l’intestazione del Liceo a Galileo Galilei. Dal 1990 hanno preso vita varie attivita’ pomeridiane extra-curricolari, come il laboratorio teatrale e il corso di creativita’ grafica, che durano tutt’ora, e ogni anno gli studenti del Liceo, guidati dall’entusiasmo di molti aderiscono a progetti nazionali o internazionali, quali le Olimpiadi di Matematica, il Certamen Ciceronianum Arpinas, le Olimpiadi di Fisica o il Festival del Teatro Greco di Siracusa.Oggi frequentano il Liceo “Galileo Galilei” di Legnano ben 1300 e piu’ studenti, suddivisi nelle 45 classi di liceo scientifico e nelle 10 di ginnasio-liceo classico, tutte ospitate nella sede di viale Gorizia 16, recentemente ampliata con un’ala aggiuntiva dalla struttura innovativa: una suggestiva forma ad onda, sostenuta da piloni portanti, che comprende 5 aule e due ampie sale, una adibita ad aula multifunzionale, utilizzata anche per la ginnastica soft, una utilizzata come innovativo e moderno laboratorio linguistico.

 



REGOLAMENTI

NORMATIVE MINISTERIALI


PIANO DI EVACUAZIONE

PIANO DI EMERGENZA (PDF)

PLANIMETRIE DEI PIANI:


RISPARMIO ENERGETICO

LA SCUOLA PER IL RISPARMIO ENERGETICO

Il nuovo Impianto Fotovoltaico attivo da aprile 2009 installato dalla Provincia di Milano.

     

     

IMMAGINI

     

     

     

     
– Vedi gallery foto 2017

 



AULE E LABORATORI

Mappa Piani Istituto e disposizione Classi

Laboratori

Altre Aule


LABORATORIO DI FISICA VIRTUALE

Il Laboratorio di Fisica Virtuale e’ una raccolta di simulazioni dinamiche di fenomeni fisici sviluppate nell’ambiente grafico e di calcolo di Excel. Tutti i controlli operativi e le impostazioni numeriche dei parametri e delle variabili connesse sono attuati mediante comandi Visual Basic.
Questo laboratorio virtuale si e’ sviluppato e continuamente si amplia e si perfeziona nel corso delle preparazioni delle attivita’ didattiche nel Laboratorio di Fisica di questo Istituto.
Se le simulazioni o applicazioni piu’ semplici sono state progettate per alleviare il lavoro dell’insegnante nell’atto di tracciare grafici o particolari costruzioni geometriche sempre necessarie nella rappresentazione essenziale di ogni fenomeno o esperimento fisico, le simulazioni piu’ complesse ed elaborate permettono invece una completa esplorazione visiva dell’applicazione di modelli fisico-matematici all’interpretazione e alla descrizione analitica dei fenomeni fisici.
L’esperimento virtuale si attua utilizzando le soluzioni esatte delle equazioni che governano il fenomeno simulato o utilizzando procedimenti ricorsivi di calcolo numerico ed e’ lo strumento teorico ideale da affiancare all’esperimento fisico reale sia nel corso dell’esperimento stesso sia durante l’elaborazione dei risultati delle misure.
Autore e curatore: Antonio Petazzi
 
N.B. Il tempo necessario al trasferimento dei seguenti file e’ legato alla complessita’ dei fenomeni studiati. Alcuni di questi possono richiedere diversi secondi per essere trasferiti.

 

Esperimenti/Simulazione per Excel 2003
per Excel 2007/2010
ESPERIMENTI GALILEIANI
Piano inclinato di Galileo Galilei
Moto parabolico dei gravi
Relativita’ galileiana
STATICA
Allungamento elastico
Molle convergenti
Molle in parallelo
Equilibrio con due carrucole
Equilibrio con tre carrucole
Equilibrio del corpo rigido
Sistemi di carrucole
CINEMATICA
Moto circolare uniforme
Moto armonico dal moto circolare uniforme
DINAMICA
Oscillatore armonico
Moto centrale elastico
Urti elastici e anelastici in due dimensioni
Dinamica del volano e pendolo di Maxwell
ONDE E OSCILLAZIONI
Moto ondulatorio progressivo
Moto ondulatorio stazionario
Molla con onde progressive
Molla con onde stazionarie
Interferenza di onde circolari
Riflessione e rifrazione di fronti d’onda piani
OSCILLATORI ARMONICI ACCOPPIATI
Oscillatore longitudinale con 2 gradi di liberta’
Oscillatore longitudinale con 10 gradi di liberta’
Oscillatore trasversale con 10 gradi di liberta’
OTTICA GEOMETRICA
Riflettore circolare/parabolico concavo/convesso
Legge della rifrazione
Lente sferica con raggi paralleli
Lente sferica con sorgente puntiforme
Punti coniugati di una lente sferica
Rifrazione e dispersione attraverso un prisma
CAMPI E PARTICELLE
Particella carica in campo elettrico uniforme
Particella carica in campo magnetico uniforme
Linee di forza del campo elettrostatico piano (zip) (zip)
Campo elettrostatico e magnetostatico (zip) (zip)
Vettore campo elettrostatico e linea di forza passo passo (zip) (zip)
VETTORI E FUNZIONI
Somma vettoriale
Vettori rotanti e sintesi armonica
Sovrapposizione lineare di impulsi trasversali
Modello ondulatorio di De Broglie
CINEMATICA DELL’ANTIPARALLELOGRAMMO ARTICOLATO
Ellissi rotanti
Ellissi rotolanti
Iperboli rotanti
Iperboli rotolanti

ORGANIGRAMMA